Order 3 or more physical items and get 1¢ postal shipping
Emiliano Deferrari | Monty

Go To Artist Page

Recommended if You Like
David Bowie Donny McCaslin King Crimson

More Artists From
BELGIUM

Other Genres You Will Love
Rock: Avant-Prog Avant Garde: Mixed Media Moods: Mood: Brooding
There are no items in your wishlist.

Monty

by Emiliano Deferrari

A slow descent into hell and an unsure journey upstream. Art-rock and avant-garde songwriting, in Italian with some English chorus, with sturdy arrangements, sweet at times, describing how difficult is the balance between love, hatred and peace.
Genre: Rock: Avant-Prog
Release Date: 

We'll ship when it's back in stock

Order now and we'll ship when it's back in stock, or enter your email below to be notified when it's back in stock.
Continue Shopping
vinyl in stock order now
Share to Google +1

To listen to tracks you will need to update your browser to a recent version.

  Song Share Time Download
clip
1. Aria
1:16 album only
2. Essere
5:02 album only
clip
3. Ecco
4:22 album only
clip
4. L'altroverso
5:00 album only
clip
5. Vuoto
6:02 album only
clip
6. Get It Right
5:04 album only
clip
7. White Life
5:02 album only
clip
8. Monty
3:50 album only
9. Fuoco
6:40 album only

ABOUT THIS ALBUM


Album Notes
Emiliano Deferrari
Monty
Gatefold 180 gr vinyl-album.

Recorded between November 2016 and September 2017 at Monty Studio, Brussels.
Mixed by Matteo Nahum between November and December 2017 in Valencia.
Mastered by Nate Wood during February 2018 at Kerseboom studio, Brooklyn, NY.
Cover photo by Pietro Fortuna
Graphic design by Bruna Chiarle
Produced by Emiliano Deferrari for Rattsburg Records

01. Aria
02. Essere
03. Ecco
04. L’altroverso
05. Vuoto

06. Get It Right
07. White Life
08. Monty
09. Fuoco

© 2018, Rattsburg Records

ARIA (E. Deferrari)

- Emiliano Deferrari: chitarra, effetti, loop.
- Matteo Nahum: mix.

ESSERE (E. Deferrari)

Quante dimensioni avrà
La mia storia da vivere
E i finti vuoti e le curve
Le curve del tempo
Il mio incedere lento
La pedata instabile
Di una scala nel vento
E’ una storia da vivere
Ed i figli da crescere
Ed il mare che invoglia a partire

La tua zattera è rossa
L’ho già vista piegarsi e issare le vele al tempo
Seguirti è un’impresa
Ma vale la pena
Seguirti è un regalo
L’oceano può darmi
Insieme ai tuoi raggi

Quante nuvole in cielo colme d’acqua pesante
Non c’è ghiaccio su Marte
Sarà quello il momento
Di far piovere il centro
Del mio cuore a ramengo
Ma se perdo la strada e consumo la penna
Va a finire che il viaggio
Finisce in partenza
E le scenografie
Mentre cascano a pezzi
Riscoprono i muri che piangevo la notte
Le botte di vita
Che tanto tutto passa
Lampi nel buio
Nell’eco più vasta.

La tua dimensione è qua
Io la voglio vivere
Senza scuse e maniman
Resto qui tra le tue braccia.

- Emiliano Deferrari: voce, piano, basso, batteria, programmazione.
- Matteo Nahum: mix.


ECCO (E. Deferrari)

Quando arriva l’ora
Non hai bisogno di chiedere
E non hai bisogno di risposte
Quando arriva l’ora è soltanto un momento.
Non sei mica in ritardo
Non c’è ragione di credere
Fai la conta se vuoi e poi salta
Siamo fatti di carta
E per un po’ si vola.

Quando fu il suo momento il suo attimo
Lo decisero solo le stelle
Fu l’amore con tanto di fuochi
Ed un lungo becco di cicogna
E quando invece di spaccare il secondo
Venne fuori senza lacrime e il sangue
Che gli fai non respiri le note
Che ascoltava nel blu della pancia
E si vola.

Quello mio non è pronto
Sarà qui con le nebbie d’inverno
Forse io l’avrò intuito
Sarà improvviso per protrarsi in eterno
Come dire che muoio da vivo
E qualcosa di cui già mi pento
Allunghiamo la vita un minuto
Sarà quello alla fine il momento.
Il momento.

Ecco arriva il momento
Prepararsi e poi prendere il treno
Fa più in fretta di quello in ritardo
Non decido è soltanto il mio tempo
La mia vita è decisa all’istante
Fai la conta se vuoi e poi salta
Semi piaci è perché sei un gigante
Bella e dolce ma non è importante.
E un po’ si vola.

- Emiliano Deferrari: voce, chitarra elettrica, piano elettrico, basso fretless, batteria, pocket sax, violini.
- Matteo Nahum: mix, nahumifications.

L’ALTROVERSO (E. Deferrari)

Letto da rifare
Fermo sulle pieghe
Il lenzuolo è vecchio
Scolorito e spento
E non c’è tempo
Poi rifare il letto
Coprimaterasso
È quello d’emergenza
L’altro è lì tra i panni
Come se lavare
Fosse una soluzione.

Ecco il solito coglione
Occupato a tempo perso
Come è terso e lindo
Il lenzuolo nuovo tinto
Di un blu mare un po’ diverso
Nell’altro verso.

E non mi pento
E non mi scuso
Decadente chi non mente
Ed il letto non è in uso
Tappeto caldo e morbido
E sonno incluso.

Ecco il solito coglione
Occupato a tempo perso
Come è terso e lindo
Il lenzuolo nuovo tinto
Di un blu mare un po’ diverso
Nell’altro verso.

- Emiliano Deferrari: voce, tastiere, basso fretless, batteria, programmazioni, pocket sax.
- Matteo Nahum: mix.

VUOTO (E. Deferrari)

Non hai corpo
Non hai argini
Né lembi
Né punti
Né formidabili risorse
È un minuto senza me

Non hai voce
Non hai croci
Non hai chiodi da attaccarti
Non hai resti della cena
È il mio tempo senza me.

Non hai pena né rigurgiti
Non hai piaghe non hai fame
Solo un beneamato niente
Il minuto senza me.

Non hai spiagge
Non hai caldo
Ma non senti neanche il vento
Non invecchi ma non scorri
Nella vita senza me.

Non hai spiagge
Non hai caldo
Ma non senti neanche il vento
Non invecchi ma non scorri
Nella vita senza me.

- Emiliano Deferrari: voce, piano, tastiere, programmazioni, basso fretless, chitarra acustica, batteria, pocket sax.
- Matteo Nahum: mix, nahumifications.

GET IT RIGHT (E. Deferrari)

Get it right, oh get it right

Fare la cosa giusta
Semplice a dirsi
Uscire fuori
Incontrare gli amici
O restare solo
A guardare te stesso
Aprire il varco
Trovare il guado
E scoprire bolle di vuoto
O tanto fango tanto fango
Tango fango tanto fango.

Puoi andare in metro
E meditare
Nessuno ti guarda
Recita
Quella parola
“Fai la cosa giusta”
Ripetila decine di volte
Fino a che cominceranno a cascare pezzi
Incrostazioni
Risolto qualcosa al risveglio?
Che poesia la cosa giusta.

Get it right oh get it right.

- Emiliano Deferrari: voci, chitarra elettrica, tastiere, programmazioni, basso fretless, batteria.
- Matteo Nahum: mix.


WHITE LIFE (E. Deferrari)

Un assegno scoperto
Quello che ci voleva
A cambiare i termini
Di una giornata grigia e spenta
O di una frizzante attesa
E anche una pesante fatica ma.

White life uh, white life uh.

Tutto bianco è finito il tunnel
I cerchi concentrici
Non ho più ferite né segni.
Se suonasse il telefono adesso
Non ho finito di scrivere
Ecco salvato il documento
E casca la lancetta
Il mio cuore batte a tempo
Ed il mantra è troppo lento
Lascia che ti scivoli addosso
Con il tuffo carpiato
Affollato questo nulla
La lavagna è cancellata
È carina la vicina
E gli amanti non han fretta
E la vita a un certo punto si rivela una novella
Scena madre del tuo film
Anche piangere davvero
Forse ho tempo per parlarti
Rivelarti i sentimenti
Ora qui cancello tutto
Affollato il mio silenzio.

- Emiliano Deferrari: voci, chitarra elettrica, basso fretless, tastiere, programmazioni, batteria.
- Matteo Nahum: mix.


MONTY (E. Deferrari)

- Emiliano Deferrari: classical guitar, field recordings.
- Matteo Nahum: mix.


FUOCO (E. Deferrari)

Ho sognato ma non serve
Non voglio essere nato
Non voglio esser tenuto
Non serve aver pensato
Non voglio più ricordi
Seguire dei cammini
Gettarsi verso il nuovo
Voglio soltanto il vuoto
Nessuna gravità
Ma fuori e dentro ho il fuoco
Non basta neanche il poco
Voglio soltanto il vuoto
Ma fuori e dentro ho il fuoco.

Declassa anche il tornado
Riporta tutto in fila
Mai più sentirsi amato
E neanche meditato
Sopire l’agitato
Fermarsi nel cammino
E non lasciare in moto
Voglio soltanto il vuoto
Nessuna gravità
Ma fuori e dentro ho il fuoco
Non basta neanche il poco
Voglio soltanto il vuoto
Ma fuori e dentro ho il fuoco
I don’t want to be hauled by you
I don’t want to be hauled by you.

I don’t wanna be the one to be hauled.

Ho sognato ma non serve
Non voglio essere nato
Non voglio esser tenuto
Non serve aver pensato
Non voglio più ricordi
Seguire dei cammini
Gettarsi verso il nuovo
Voglio soltanto il vuoto
Nessuna gravità
Ma fuori e dentro ho il fuoco
Non basta neanche il poco
Voglio soltanto il vuoto
Ma fuori e dentro ho il fuoco.
Declassa anche il tornado
Riporta tutto in fila
Mai più sentirsi amato
E neanche meditato
Sopire l’agitato
Fermarsi nel cammino
E non lasciare in moto

I don’t want to be hauled by you.
I don’t want to be the one to be hauled.

- Emiliano Deferrari: voci, tastiere, programmazioni, percussioni.
- Matteo Nahum: mix.

Grazie a Laura e Flavio per le montagne russe. Ai miei genitori per la cieca fiducia. A Simona e Chiara per “family”.
Ad Alessandro per gli ascolti, a Veronica per il caffè, ad Alessandra per il fuoco e a Pietro per il kairos. A Bruna per l’ennesima veste. A Matteo per l’aiuto immenso e per continuare ad assecondarmi, que viva Nanaue. E ancora ai miei compagni di viaggio, per gli inciampi e le mani tese.

Read more...

Reviews


to write a review